La Mela

    LA MELA

 Come la mela son cascato,

dal melo, senza esser maturato.

La mano che mi colse non fu saggia

la mela la si guarda.. se l’è verde non s’assaggia!

Son caduto fra le mele marce dopo un morso

quelle che dopo la si butta…senza arrivare al torso.

Nel mucchio come tante

rosse, verdi, marce o brutte, quelle col baco dentro e quelle senza,

alcune con la scorza dura, altre ancora belle piene di polpa sana e dura.

 I frutti rossi son restati, quelli più maturi e rubicondi

ed anche quelli gialli, piccoli, robusti e belli tondi.

 Son finito lì dentro quel mucchio

destinato ad una brutta marmellata

o peggio ancora un metro sotto terra

sporca, nel buio per l’eterno sotterrata.

Mi spiace perché stavo bene sul mio ramo

è stata davvero una stronzata

ho appena visto il sole e ho detto “ t’amo “

e sono morta, senza esser maturata.

Annunci

Informazioni su Luciano Nistri

Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro della Gran Loggia Virtuale d'Italia GLVDI
Questa voce è stata pubblicata in Poesie e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...