I Pantaloni

I PANTALONI

Ho preso i pantaloni dall’armadio,

quelli grigio fumo, con le toppe sul didietro.

E li ho provati, e anche se mi vanno stretti

li ho indossati.

Sono andato fra la gente che ha pianto e riso.

Fo davvero compassione con le toppe appiccicate sotto al culo.

Fanno parte di un vissuto troppo strano,

strano come la vita,

che dosa la fortuna in base al deretano.

Tempo fa era bello questo pantalone,

l’orgoglio del suo sarto e del padrone.

La vita nella stoffa pettinata,

il piombo nel posare sulla scarpa,

pronti, eleganti per una sfilata!

Ora sento freddo se mi siedo

e caldo se mi dai la mano

per cercar due fili rosa nel ricamo

e poi scriver tre parole: io ti amo.

Senza il filo son cadute anche le toppe,

che avevo ricucito per scommessa,

se riprovando insieme a camminare

‘sta storia la poteva esser la stessa.

Ma il tempo, questo mascalzone, misura l’amore che si è consumato…

In pochi anni della nostra vita, come il cavallo di questo pantalone!


Annunci

Informazioni su Luciano Nistri

Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro della Gran Loggia Virtuale d'Italia GLVDI
Questa voce è stata pubblicata in Racconti e Novelle e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...